Monza: Bimba (forse) allergica quindi il cane finisce a vivere in garage per 5 mesi

Dal sito ufficiale dell’Enpa di Monza

Una coppia cinese, dopo la nascita della loro bambina, decide di recludere nel box il proprio cane, un bel meticcio di sei anni dal mantello candido, perché a loro dire (ma senza alcun certificato medico ad attestarlo) la piccola risulta essere allergica.

Così il povero animale finisce per trascorrere ben cinque mesi in uno misero spazio buio e angusto, potendo contare su un po’ di aria fresca solo la sera, quando il proprietario, rientrato dal lavoro, lo portava fuori per una breve passeggiata.

Credo che nel 2020 ci siano davvero tante opzioni a disposizione per una famiglia che non vuole più un cane, per dargli una possibilità di vita migliore, il canile dovrebbe essere l’ultima spiaggia, si può cercare un nuovo proprietario, si può organizzare la propria casa in modo da dare al cane una possibilità di interazione con la famiglia pur tutelando la neonata, si può sentire un pediatra, un allergologo, per comprendere come aiutare la neonata, se davvero è allergica, ci sono studi che dimostrano di un aumento delle difese immunitaria dei neonati grazie alla presenza dei cani.

Ma pensare di fargli trascorrere tutta la vita segregato in un garage significa davvero considerare un cane alla stregua di un peluche da posizionare a proprio comodo in camera o in un cartone in cantina!

Auguriamo a “Garage” di trovare una famiglia in grado di fargli capire che gli esseri umani sono anche in grado di amarlo incondizionatamente!mon

Grazie a Enpa Monza per l’intervento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *